Galleria Borghese

Si tratta di una delle più vaste collezioni private al mondo. Situata all’interno dell’omonima villa, in pieno centro storico, la Galleria Borghese fu costruita nel 1902 dopo che lo Stato italiano aveva acquisito le raccolte facenti parte del Fidecommisso Borghese. La collezione fu creata nel 17° secolo per volere di Scipione Borghese, uno dei collezionisti più competenti dell’epoca rinascimentale; saccheggiate durante il dominio napoleonico all’inizio del 19° secolo, le opere furono, in parte, ricollocate al loro posto e acquisite dallo Stato italiano. Al suo interno possiamo ammirare alcune opere di elevato interesse artistico: Caravaggio, Bernini, Tiziano, Botticelli, Raffaello, Rubens, Correggio. Al pianterreno troviamo esposte importanti statue antiche e mosaici romani, la l’attrazione principale sono sicuramente le opere di Gian Lorenzo Bernini, tra le quali segnaliamo il David, il Ratto di Prosperina, Apollo e Dafne. Degne di nota sono anche le opere di Caravaggio tra cui spicca la splendida Madonna dei Palafrenieri, commissionata a suo tempo dalla Chiesa e rifiutata per il suo eccessivo realismo. Ancora, Amor Sacro e Amor Profano di Tiziano, la Deposizione nel Sepolcro di Rubens, il Trasporto del Cristo Morto di Raffaello e altri rinomati capolavori dell’arte mondiale. Galleria Borghese Si tratta di una delle più vaste collezioni private al mondo. Situata all’interno dell’omonima villa, in pieno centro storico, la Galleria Borghese fu costruita nel 1902 dopo che lo Stato italiano aveva acquisito le raccolte facenti parte del Fidecommisso Borghese. La collezione fu creata nel 17° secolo per volere di Scipione Borghese, uno dei collezionisti più competenti dell’epoca rinascimentale; saccheggiate durante il dominio napoleonico all’inizio del 19° secolo, le opere furono, in parte, ricollocate al loro posto e acquisite dallo Stato italiano. Al suo interno possiamo ammirare alcune opere di elevato interesse artistico: Caravaggio, Bernini, Tiziano, Botticelli, Raffaello, Rubens, Correggio. Al pianterreno troviamo esposte importanti statue antiche e mosaici romani, la l’attrazione principale sono sicuramente le opere di Gian Lorenzo Bernini, tra le quali segnaliamo il David, il Ratto di Prosperina, Apollo e Dafne. Degne di nota sono anche le opere di Caravaggio tra cui spicca la splendida Madonna dei Palafrenieri, commissionata a suo tempo dalla Chiesa e rifiutata per il suo eccessivo realismo. Ancora, Amor Sacro e Amor Profano di Tiziano, la Deposizione nel Sepolcro di Rubens, il Trasporto del Cristo Morto di Raffaello e altri rinomati capolavori dell’arte mondiale.